Un lungo cammino…

La propria strada è celata

Sono imprigionato 
nella mia stessa sostanza
lei non è un mistero
è riflesso delle paure
paura di me stesso
mie infinite fragilità
mia infinita sensibilità
pagine nell’oscuro libro
di cruente e comuni favole 
vorrei volare lontano
osservare il mondo dall’alto
prigioniero del mistero
delle paure mai descritte
in un crescendo di note
di mezzi toni e bemolle
pentagramma in fiamme
quel fuoco sacro in me
d’esprimere emozioni
donarle al vento scirocco
ai cuori dispersi nelle dune
o nelle umide foreste
d’Africa o d’Amazonia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: