Un lungo cammino…

La propria strada è celata

Tutte le terre ti son lontane
tutti i cieli son tumultuosi
non v’è attracco sicuro
il mare è sempre tempestoso
son sassi le parole ed i gesti
aghi i ricordi perduti nella nebbia
nebbie le tue terre perdute
ombre le strade e le case
abbandonate all’oblio severo
senza pietà di amati ricordi
dove son le anse e gli scogli?

Dove sono i campi a grano
e le vigne contorte e generose?
I passi sicuri e fermi  degli avi
che tracciavano il sentiero
che giungeva alle cattedrali
sentinelle del nostro passato
svanito e dissolto nella pira
che brucia ricordi e affetti
abbandonati come i vecchi
giunti alla fine della loro vita
trascorsa su millenarie pietre!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: