Un lungo cammino…

La propria strada è celata




In questo mare di dolore
oceano di malinconia
sprofondo nella solitudine
mi accompagna la poesia
mitigato solo dal miagolio
d’un timido gatto color sabbia
i miei versi sperduti a rassettare
la tavola e varie stoviglie
torna il ricordo di me bambino
a giocare con soldatini e biglie
me piccino innocente e fragile
sognatore di castelli e fragole
in questo oceano di poesia
innalzo il mia ferita testa
scrivendo in continuazione
scrivere per me è liberazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: