Un lungo cammino…

La propria strada è celata

Nessuno sottolineo nessunoha consapevolezza del mio dolorené mia moglie, né mia madrehanno coscienza della pesantezzad’ogni passo, d’ogni gesto,la pesantezza del pensareragionare concepire poesieè l’unica mia libertà, che pari agli altrimi fa sentire alla loro altezzad’una vita senza alcuna pesantezzacol loro passo svelto e leggeroche ai miei occhi pare severoammonimento di ciò che eroe non sono …

Continua a leggere

Non ce la faccioa descrivere a parolecon la pressione addossoe con la paura che dilaga nel mondorileggo vecchie mie poesiemi estraneo e mi confondomi domando stupefatto: son mie? Non ci sono dubbi sull’autorevisto che son stampate dall’editorein un volume di tanti anni faquando soffrivo pene del cuorela paura il timore toglie le paroleti perdi nel …

Continua a leggere

Vidi la morte in faccia Vidi la morte in facciaa ventidue giorni d’etànato prematuro per leidovevo essere un bel bocconcinosorte volle che sopravvivessisi segnò la sconfitta sulla manoper una vendetta rapida nel tempo. A quattordici anni colpì beffardai miei reni fragili e malandatisuperai anche questa provasenza sfiorar la dialisi: sua servaa cinquantanni colpì il cervelloinondando …

Continua a leggere

Colonne d’Ercole d’orienteancora nella mia mentele tue nebbie improvvisele tue strade in saliscendii tuoi quartieri cinesiove cento occhi a mandorlati osservano gentili affabiliper venderti cianfrusagliepseudo antiche cineserielì il ponte rosso rubinoapre le porte all’oceanosponda dell’impero Ming. Da te venni aurea Americaa cercare le strade dell’orotrovai oro nei miei pensieriilluminasti la mia vitaancor brilla il tuo …

Continua a leggere

Dolore ombra d’ogni tuo gestosussurro muto dietro ogni parolacompagno fedele di notte e giornoattende paziente il tuo risveglioper ululare la sua nefasta gioiaombra del tuo impercettibile pensieroassassino dei versi nascituripadre della confusione nella mentefratello del tuo claudicante passoombra scura su ogni luce futuraoffusca i lievi felici ricordibrucia le pagine già scrittevertigine dell’usuale vissutocompagno fedele amante …

Continua a leggere

Perduti tra le rocceeffimeri come soffionel vento dell’universomemoria labile e fragilecome cristallo rilucespezza i ricordi ricucevecchi lampi di memoriasenza filo senza storiaversi di cristallorimarranno a futura memoriadel mio percorso travagliatotra rocce d’incomprensionemalintesi figli di unadifficile mia espressioneeffimera la mia esistenza?Vorrei vivere cent’annima la morte è certaperduti i miei versieffimeri come un soffiolampi della mia storia.

Chi ha inventato il tempo?Scompiglia gli annicopia a l’infinito i giornipoi un giorno dice: finetutto svanisce nel brunire. Chi ha inventato gli anni?Scruta l’umanità far danniripete a l’infinito vuote paroleporgere l’altra guancia al nullauna novità confonde e trastulla. Chi ha inventato l’amore?Che distrugge i cuoriscompagina il pudoreferisce le nostre certezzetradisce per delle piccolezze. Chi ha …

Continua a leggere

La vita m’è pesantenulla, nessuno l’alleggerisceneppure chi m’è vicinonon per cattiveria: non capisce!Difficile l’empatia col dolorefisico, che ti annienta: ottundei gesti, la mente ed il presentedimentica cose importanti. La vita m’è confusascompagina i pensierileggeri, rende pesantee incessante ogni cosail dolore confonde e svuotail senso di ciò che facciocome esser sospeso immersosott’acqua senza un mare. M’è …

Continua a leggere

Rimpianto di me ingenuo bambinoaffascinato davanti all’albero di Nataleammaliato ad ogni più piccolo regaloposto ai suoi piedi era un miracolol’atmosfera di quei giorni era magiamagia per me e tutta la famigliaraccolta attorno al santo Nataleil bel presepe con cento statuineil bue l’asino ed il bambinelloposti sotto il verde alberellocon gli addobbi colorati e milleluci scintillanti …

Continua a leggere